domenica , 29 Novembre 2020

Champions League, mentalità vincente in vista del PSG

Ci siamo, si riaccendono i riflettori della competizione più bella, la Uefa Champions League e quest’anno, ad inseguire la prima classificata dell’ultima edizione, il Bayern Monaco, c’è anche il Manchester United.

Il club che ha vinto l’ultima coppa dalle grandi orecchie nel lontano 2008, debutta subito con una grande sfida : il PSG al Parc des Princes.

Sarebbe stato suggestivo vedere Edinson Cavani debuttare proprio contro la sua ex squadra ma l’uruguagio non gioca una partita ufficiale dallo scorso Marzo e Solskjaer ha confermato la sua assenza, questa sera.

Tra gli indisponibili per la gara alla Ville Lumière figurano anche Greenwood, Lingard, Bailly e Maguire.

«Abbiamo diversi indisponibili. Ma nonostante ciò, abbiamo giocatori più che a sufficienza. Ci auspichiamo che i giocatori assenti per questo match torneranno presto a disposizione. Edinson Cavani ha bisogno di qualche allenamento in più, così come Greenwood e Bailly. Per quanto riguarda Maguire, dovrebbe tornare in forma per il fine settimana. » dichiara Solskjaer .

Proprio parlando dell’assenza del capitano Harry Maguire, l’allenatore dei Red Devils fa una rivelazione in conferenza stampa : Bruno Fernandes sarà il capitano.

Una notizia inaspettata non solo per i presenti, ma anche per lo stesso numero 18 portoghese, che appare decisamente sorpreso ed emozionato e dichiara : «É una notizia che apprendo anch’io solo ora. Capitanare il Manchester United in una sfida così importante è per me un grande onore. Credo che lo spirito da capitano debba appartenere ad ogni singolo membro di una squadra. Perché le sorti di essa dipendono da ognuno di noi. Non sarà solo stasera , essere un capitano è un lavoro che va svolto ogni giorno a partire dagli allenamenti e ognuno sta dando il suo piccolo contributo . »

Come al solito, tanti occhi questa sera saranno puntati anche su Paul Pogba, profeta in patria che anche questa sera cercherà di decidere le sorti del match, dominando il centrocampo che, probabilmente potrebbe dividersi con Donny Van de Beek.

Il neoacquisto olandese ha contribuito a dare la svolta per la vittoria col Newcastle dello scorso sabato. E si svolgerà a centrocampo il duello col grande ex, Ander Herrera. C’era anche lui in quell’indimenticabile ultimo incontro dello United coi parigini, nel 2019, quando un rigore di Rashford al 94’ regalò ai ragazzi di Solskjaer una vittoria al cardiopalma.

Questa sera, invece, potremo vedere il debutto dell’altro neoacquisto, Alex Telles.

Il brasiliano potrebbe scendere in campo come sostituto del non esaltante Luke Shaw o addirittura sulla fascia di una mirabolante formazione extra difensiva, in modo da stanare il blasonato attacco del PSG, nel quale faranno ritorno Neymar e Di Maria, dopo aver scontato le rispettive squalifiche in campionato.

Sorte analoga riguarda Anthony Martial, il francese potrebbe essere il leader dell’attacco del Manchester United, dopo aver saltato l’ultima partita di campionato, appunto, per squalifica.

  Probabile XI iniziale

In conclusione, per capire con quale mentalità si approccerá lo United questa sera al debutto stagionale in Champions League, prendiamo in prestito le parole di ieri del neocapitano, Bruno Fernandes : « Quando giochi in un club come questo, devi pensare a vincere i trofei. Non so se vinceremo, ma è importante la mentalità e quella dello United è vincere o vincere. »

Maria Russo

Bio di Maria Russo

Guarda anche

Le ultime da Solskjaer in vista Newcastle

Ci siamo, finalmente torna la Premier League, dopo la pausa delle nazionali. Non ci eravamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *