giovedì , 14 Novembre 2019
Importante

A Belgrado lo United torna a vincere in trasferta: 1-0 al Partizan

Il Manchester United riscopre il gusto di una vittoria ottenuta fuori casa a Belgrado, superando per 1-0 il Partizan grazie ad un calcio di rigore trasformato da Anthony Martial. I ragazzi di Ole Gunnar Solskjær consolidano il proprio primato nel Gruppo L della UEFA Europa League e potrebbero già ipotecare la qualificazione vincendo la prossima sfida.

CRONACA

Per la trasferta più difficile del proprio girone di UEFA Europa League, Ole Gunnar Solskjær decide di puntare su una formazione che, pur presentando diversi giovani, ha il giusto quantitativo di esperienza.

Sergio Romero sostituisce fra i pali David de Gea (rimasto ad allenarsi a Manchester, insieme a Paul Labile Pogba, per recuperare dall’infortunio), mentre al centro della difesa – al fianco di Harry Maguire, oggi capitano – c’è Marcos Rojo. Aaron Wan-Bissaka confermato come terzino destro, mentre a sinistra viene dato spazio al giovanissimo mancuniano Brandon Williams. Scott McTominay e Phil Jones compongono un’insolita coppia a centrocampo, con Jesse Lingard, Juan Mata e il giovane James Garner schierati dietro all’unica punta Anthony Martial.

La prima occasione della serata capita a Scott McTominay, al 14′, quando viene pescato in posizione ottimale da un perfetto cross di Juan Mata su calcio di punizione, ma il nazionale scozzese manca lo specchio dalla porta colpendo male di testa. Il numero 39 dello United ci prova anche calciando da fuori al 21′, ma strozzando la conclusione che, inevitabilmente, termina a lato di molto.

Il primo tentativo degno di nota da parte del Partizan arriva al 35′ e lo partorisce un ex giocatore dello United, Zoran Tošić, il quale prova da posizione defilata un sinistro che si perde fuori, sotto lo sguardo attento di Sergio Romero. Un minuto dopo, lo United va vicinissimo al possibile vantaggio colpendo il palo con uno sfortunato Jesse Lingard, ancora a secco di goal in questa stagione, il quale era stato bravo a battere il portiere con un intelligente tiro dal limite.

I serbi pareggiano subito dopo il conto dei legni colpiti. Seydouba Soumah fa partire un bel tiro a giro da fuori che si infrange anch’esso sul palo, mentre – sugli sviluppi della stessa azione – risulta completamente sgangherata la conclusione di Saša Zdjelar.

Scampato pericolo, i Red Devils si procurano l’occasione perfetta per sbloccare il punteggio con una grande azione personale del giovanissimo Brandon Williams, atterrato fallosamente in area di rigore da Nemanja Miletić. Anthony Martial si presenta dal dischetto e trasforma con estrema freddezza il calcio di rigore, spiazzando il portiere e portando il Manchester United sull’1-0 al 42′.

Il primo tempo va in archivio con i ragazzi di Ole Gunnar Solskjær, in modo – tutto sommato – anche meritato considerando il numero di occasioni pericolose create.

La ripresa si apre con un’occasione su calcio piazzato per i padroni di casa, che affidano ai piedi di Bibras Natcho una punizione al limite. Il tentativo del numero 6 del Partizan aggira la barriera, ma anche il palo, spegnendosi sul fondo. Mentre al 51′ è Sergio Romero a dover salire in cattedra, respingendo con un buon riflesso una pericolosa conclusione di Seydouba Soumah, bravo a farsi largo nell’area di rigore dello United con una pregevole azione personale.

Arrivati al minuto 59, Ole Gunnar Solskjær decide di operare una doppia sostituzione: fuori Aaron Wan-Bissaka e Anthony Martial, dentro Daniel James e Marcus Rashford. Tuttavia, il Partizan va nuovamente vicino al possibile 1-1 al 73′ con un bel tiro di prima di Umar Sadiq, il quale fa la barba al palo alla destro di un Sergio Romero che sembrava ormai battuto.

All’80’, lo United opera il suo terzo e ultimo cambio: fuori il giovanissimo James Garner, dentro il brasiliano Andreas Pereira.

Il club serbo crea un altro grande spavento ai Red Devils all’82’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, battuto da Bibras Natcho, che Takuma Asano gira di testa verso la porta, ma Sergio Romero respinge l’incornata del giapponese con un’altra grande parata. Un altro brivido arriva tre minuti dopo, quando Bibras Natcho sfiora l’incrocio dei pali con un apprezzabile tentativo mancino dal limite.

Red Devils resistono fino al triplice fischio finale e conquistano, dopo ben 7 mesi d’attesa, la prima vittoria in trasferta, che non arrivava dalla storica rimonta di Parigi contro il Paris Saint-Germain. Adesso ci saranno altre tre partite in trasferte per lo United – contro Norwich City e Bournemouth in Premier League, con in mezzo la trasferta in casa del Chelsea in Carabao Cup – che saranno molto importanti per definire meglio i possiibli obiettivi di una stagione ancora del tutto indecifrabile.

Marco Antonucci

TABELLINO 


UEFA Europa League – Gruppo L

Stadion FK Partizan – Belgrado, Serbia – Giovedì 24 Ottobre 2019

   V AC4AD80054D44492A7FD375782AC9DB6
FK Partizan 0-1 Manchester United FC
42′ Anthony Martial (Rigore)

FORMAZIONI

Partizan:
88 Vladimir Stojković [C]; 73 Nemanja Miletić, 23 Bojan Ostojić, 3 Strahinja Pavlović, 72 Slobodan Urošević; 20 Seydouba Soumah (82′, 10 Lazar Pavlović), 16 Saša Zdjelar, 6 Bibras Natcho, 7 Zoran Tošić (73′, 80 Filip Stevanović); 9 Umar Sadiq, 11 Takuma Asano (90+2′, 18 Đorđe Ivanović).
Manager: Savo Milošević

Manchester United:
22 Sergio Romero; 29 Aaron Wan-Bissaka (59′, 21 Daniel James), 5 Harry Maguire [C], 16 Marcos Rojo, 53 Brandon Williams; 4 Phil Jones, 39 Scott McTominay; 14 Jesse Lingard; 8 Juan Mata, 37 James Garner (80′, 15 Andreas Pereira); 9 Anthony Martial (59′, 10 Marcus Rashford).
Manager: Ole Gunnar Solskjær

Arbitro: Javier Estrada Fernández (Spagna). Assistenti: Roberto Alonso (Spagna), Iñigo Prieto (Spagna). Quarto uomo: Pablo González Fuertes (Spagna).

Cartellini gialli: 45′ Phil Jones [MU], 65′ Bibras Natcho [P], 66′ Nemanja Miletić [P], 88′ Saša Zdjelar [P].

Cartellini rossi: Nessuno.

STATISTICHE

15 Tiri totali 5
2 Tiri in porta 1
44% Possesso palla 56%
335 Passaggi 518
3 Cartellini gialli 1
Cartellini rossi 0
9 Calci d’angolo 2
0 Calci di rigore 1
2 Fuorigioco 2

Bio di Marco Antonucci

Presidente e caporedattore di Red Army Italy, tifoso del Manchester United da oltre tredici anni. Mancuniano nell'anima.

Guarda anche

Lo United torna a brillare e vince anche a Norwich

Seconda vittoria consecutiva in trasferta per il Manchester United, che batte al Carrow Road i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *