giovedì , 14 Novembre 2019
Importante

Manchester United e Liverpool si dividono la posta in palio: è 1-1 all’Old Trafford

Un buon Manchester United sfiora la vittoria contro i rivali storici del Liverpool, vedendosi raggiungere soltanto nel finale da una rete di Adam Lallana. I ragazzi di Ole Gunnar Solskjær avevano trovato il vantaggio nel primo tempo con un goal di Marcus Rashford, disputando una partita di cuore e tatticamente perfetta contro i Campioni d’Europa.

CRONACA

Per la sfida più attesa di ogni stagione, Ole Gunnar Solskjær recupera a sorpresa David de Gea – dato per sicuro assente fino a ieri – e lo schiera fra i pali, puntando su un 3-5-2 che vede in difesa la presenza di Victor Lindelöf, Harry Maguire e Marcos Rojo, con il ritorno di Aaron Wan-Bissaka sulla fascia destra. A sinistra, in assenza di Luke Shaw, c’è Ashley Young. A centrocampo, al fianco del sempre più inamovibile Scott McTominay, ci sono i brasiliani Fred e Andreas Pereira, schierato sulla trequarti. Marcus Rashford e Daniel James sono, invece, i due attaccanti.

Jürgen Klopp non ce la fa a recuperare Mohamed Salah, non convocato, ma può anch’egli contare sul ritorno del proprio portiere titolare, il brasiliano Alisson. Per il resto, i Reds presentano una formazione senza sorprese, che vede in attacco il trio formato da Sadio Mané, Roberto Firmino e Divock Origi.

Il match si rivela molto intenso sin dalle prime battute, con lo United che pressa alto e rende difficile la vita al Liverpool. Tuttavia, la prima occasione di giornata capita proprio ai Reds al 9′, quando Roberto Firmino – poco saggiamente – decide di cercare la porta da posizione molto defilata con una disastrosa conclusione mancina.

Dopo un altrettanto rivedibile tentativo del suo connazionale Andreas Pereira dalla parte opposta, Georginio Wijnaldum chiama David de Gea alla prima parata di giornata con un tiro da fuori che appare potente, ma piuttosto centrale per creare seri problemi al numero 1 dei Red Devils.

Al 24′, è Scott McTominay a partorire – praticamente dalla stessa distanza – un tiro che risulta anch’esso molto centrale e facile da neutralizzare per Alisson. Grande occasione per gli ospiti al 33′. Sadio Mané guida il contropiede del Liverpool, involandosi verso l’area di rigore dello United, dove – una volta arrivato – serve un grande assist per l’accorrente Roberto Firmino. Il brasiliano, però, calcia non poca convinzione e David de Gea para attentamente.

Proprio nel momento in cui la squadra di Jürgen Klopp sembra assumere il controllo della partita, i Red Devils trovano l’inaspettato vantaggio.

Victor Lindelöf recupera palla sulla trequarti e fa partire il contropiede, che vede Daniel James farsi strada sulla destra, prima di pennellare un cross perfetto per l’inserimento di Marcus Rashford che, con un preciso tocco sotto porta, batte Alisson e porta il Manchester United in vantaggio al 35′. Il goal viene, fra l’altro, definitivamente convalidato dopo qualche minuto poiché rivisto al VAR per un presunto fallo di Victor Lindelöf su Divock Origi all’inizio dell’azione.

Il VAR corre ancora in soccorso dello United qualche minuto dopo. Sadio Mané si aiuta con un tocco di mano impercettibile ad occhio nudo, vincendo un duello con Victor Lindelöf e battendo David de Gea da distanza ravvicinata. Il goal viene inizialmente convalidato, ma l’arbitro – una volta ricevuta assistenza dai colleghi del VAR – annulla la rete del Liverpool e riporta il punteggio sull’1-0.

Grande gioia per la stragrande maggioranza dell’Old Trafford e match che giunge all’intervallo con i Red Devils avanti di una goal.

Il secondo tempo presenta subito la stessa intensità vista nel primo, ma lo United si difende con ordine e respinge gli iniziali assati di un Liverpool inferocito per la doppia beffa ricevuta tramite il VAR nella prima frazione di gioco.

Jürgen Klopp opera la prima sostituzione della gara al 59′, inserendo Alex Oxlade-Chamberlain al posto di Divock Origi. Proprio l’ex Arsenal, qualche minuto dopo, cerca senza successo la porta con una conclusione brutta e imprecisa.

Lo United va vicino al raddoppio in contropiede al 66′. Daniel James serve con un preciso lancio Marcus Rashford, bravo a controllare la palla e a guadagnare campo, prima di cercare il palo più vicino con un tiro che si spegne a lato di poco.

Reds operano un altro cambio al 70′: dentro Adam Lallana, fuori Jordan Henderson. Un paio di minuti dopo, Fred cerca la porta con un poco convincente sinistro che, inevitabilmente, termina a lato, ma che mostra anche un costante aumento di fiducia nei propri mezzi da parte dei Red Devils. In particolare da parte di un rinato Marcus Rashford.

Gli ospiti si giocano l’ultima carta a propria disposizione al minuto 81, inserendo Naby Keïta al posto di Georginio Wijnaldum. Fred ci riprova ancora col proprio sinistro, stavolta in modo più convinto, e va vicino al possibile 2-0.

Dal possibile raddoppio, che avrebbe chiuso il match, si passa al pareggio del Liverpool. Un innocuo cross basso dalla sinistra da parte di Andrew Robertson passa in mezzo a tutta la difesa e arriva sui piedi di Adam Lallana, che insacca senza alcuna difficoltà da breve distanza la rete che vale l’1-1 all’84’.

Il pareggio galvanizza i Reds, che nel finale vanno molto vicini anche alla possibile vittoria con due bei tentativi da parte di Trent Alexander-Arnold e di Alex Oxlade-Chamberlain, terminati entrambi di poco a lato. Lo United, visibilmente demoralizzato dopo il pareggio, riesce comunque a resistere agli attacchi finali degli ospiti e difende con successo l’1-1 fino al fischio finale.

Un pareggio che non soddisfa al 100% per il modo in cui è maturato, ma dal quale, senza ombra di dubbio, Ole Gunnar Solskjær può trarre molti positivi e un punto di partenza per rivitalizzare una stagione partita male, ma che può cambiare totalmente registro con prove fatte di cuore e ordine tattico come quella odierna. Sul piano tattico e dal punto di vista dell’impegno, oggi il Manchester United ha dimostrato di potersela giocare con chiunque… Anche con i Campioni d’Europa e rivali storici del Liverpool.

Marco Antonucci

TABELLINO 

premier-league
Premier League

Old Trafford – Manchester, United Kingdom – Domenica 20 Ottobre 2019

AC4AD80054D44492A7FD375782AC9DB6  V
Manchester United FC 1-1 Liverpool FC
35′ Marcus Rashford [MU], 84′ Adam Lallana [L]

FORMAZIONI

Manchester United:
1 David de Gea; Victor Lindelöf, 5 Harry Maguire, 16 Marcos Rojo; 29 Aaron Wan-Bissaka, 39 Scott McTominay, 17 Fred, 18 Ashley Young [C]; 15 Andreas Pereira (90+3′, 53 Brandon Williams); 21 Daniel James, 10 Marcus Rashford (83′, 9 Anthony Martial).
Manager: Ole Gunnar Solskjær

Liverpool:
1 Alisson; 66 Trent Alexander-Arnold, 32 Joël Matip, 4 Virgil van Dijk, 26 Andrew Robertson; 14 Jordan Henderson [C] (70′, 20 Adam Lallana), 3 Fabinho, 5 Georginio Wijnaldum (81′, 8 Naby Keïta); 10 Sadio Mané, 9 Roberto Firmino, 27 Divock Origi (59′, 15 Alex Oxlade-Chamberlain).
Manager: Jürgen Klopp

Arbitro: Martin Atkinson. Assistenti: Lee Betts, Constantine Hatzidakis. Quarto uomo: Jonathan Moss. VAR: David Coote. Assistente VAR: Marc Perry.

Cartellini gialli: 69′ Fabinho [L].

Cartellini rossi: Nessuno.

Spettatori: 73.737

STATISTICHE
by Immagine

7 Tiri totali 10
2 Tiri in porta 4
32,1% Possesso palla 67,9%
300 Passaggi 648
0 Cartellini gialli 1
Cartellini rossi 0
3 Calci d’angolo 1
0 Calci di rigore 0
4 Fuorigioco 1

Bio di Marco Antonucci

Presidente e caporedattore di Red Army Italy, tifoso del Manchester United da oltre tredici anni. Mancuniano nell'anima.

Guarda anche

Lo United torna a brillare e vince anche a Norwich

Seconda vittoria consecutiva in trasferta per il Manchester United, che batte al Carrow Road i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *