martedì , 26 marzo 2019
Importante

Dalot: “Sono cresciuto guardando Cristiano Ronaldo”

Diogo-Dalot-Man-Utd-PSG-Champions-League-1770077Diogo Dalot, da buon portoghese, dichiara di essere cresciuto sognando di seguire le orme di una grande ex stella del Manchester United come il connazionale Cristiano Ronaldo.

Il giovane terzino destro ha anche riportato alla luce il suo primo ricordo calcistico di rilievo, ovvero la vittoria della UEFA Champions League da parte della squadra da lui tifata sin da bambino, il Porto.

Un successo che i portoghesi raccolsero dopo aver eliminato proprio lo United durante il proprio cammino, per poi imporsi in finale contro il Monaco per 3-0.

“Ovviamente, quando si cresce, tutta l’attenzione va a giocatori come [Cristiano] Ronaldo, l’altro Ronaldo, [Andrés] Iniesta, Xavi e [Lionel] Messi”, ha dichiarato in un’intervista concessa al matchday programme ufficiale del club.

“Crescendo, guardi quel tipo di giocatori nei grandi club, nei big match, e li vedi perché desideri diventare un calciatore un giorno e vuoi diventare il migliore.”

“Ricordo il Porto che vinse la Coppa dei Campioni [UEFA Champions League] quando avevo cinque anni. Avevamo dei giocatori molto bravi. Se mi chiedete qualcosa riguardo la partita, non ricordo [molto], ma ricordo di aver festeggiato! È stato un momento fantastico per me, da tifoso, e per il club.”

“A volte, abbiamo avuto la possibilità di parlare con giocatori come Paulo Ferreira e i giocatori che hanno vinto [quella UEFA Champions League nel 2004] sono venuti nel nostro centro d’allenamento. È stato bello comunicare e condividere insieme le loro esperienze.”

Marco Antonucci

Bio di Marco Antonucci

Foto del profilo di Marco Antonucci
Presidente e caporedattore di Red Army Italy, tifoso del Manchester United da oltre tredici anni. Mancuniano nell'anima.

Guarda anche

image

Giggs risponde a Ibrahimović: “Abbiamo giocato più di 2.000 partite con lo United, ma lui ne sa di più…”

Zlatan Ibrahimović ha lanciato nei giorni scorsi un’accusa piuttosta dura nei confronti della Class of ’92, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *