sabato , 23 giugno 2018
Importante

Lukaku-Sánchez, lo United batte lo Swansea e resta davanti al Liverpool

2018-03-31T144751Z_113495584_RC12B9772550_RTRMADP_3_SOCCER-ENGLAND-MUN-SWAIl Manchester United vince l’incontro casalingo contro lo Swansea City e resta al secondo posto in Premier League, con 2 punti di vantaggio sul Liverpool e una partita da recuperare. Il match viene deciso da due goal, realizzati nei primi 19 minuti di partita, da Romelu Lukaku e da Alexis Sánchez.

CRONACA

Dopo l’ultima sosta internazionale della stagione, il Manchester United di José Mourinho affronta la prima delle ultime nove (si spera dieci) gare della stagione sfidando lo Swansea City.

Il manager portoghese, per l’occasione, ripropone come titolare Paul Labile Pogba, schierato in mezzo al campo con Nemanja Matić, e – oltre a confermare il solito Romelu Lukaku come unica punta – si affida a Juan Mata, a Jesse Lingard e ad Alexis Sánchez sulla trequarti. In difesa, accanto a Chris Smalling, spazio a Victor Lindelöf.

Partenza a razzo del Manchester United che, iniziando il match con delle interessanti manovre offensive, trova subito il goal del vantaggio.

2018-03-31T140810Z_2003814244_RC1D5DFA3180_RTRMADP_3_SOCCER-ENGLAND-MUN-SWAAl termine di una splendida azione corale, Romelu Lukaku riceve palla nel cuore dell’area di rigore da Alexis Sánchez e, con l’aiuto di una leggera deviazione, piazza la palla sotto al sette con un imparabile sinistro. Dopo appena 4 minuti di gioco, Manchester United avanti 1-0 sullo Swansea City e goal numero 100 in Premier League per l’attaccante belga.

Il numero 9 dei Red Devils va vicinissimo anche al secondo goal al 10′, quando viene lanciato in area da Jesse Lingard, provando un rasoterra diretto verso il palo opposto che Łukasz Fabiański devia con un ottimo riflesso. Il numero 1 polacco ha vita più facile, invece, poco dopo su un innocuo tentativo di Jesse Lingard.

Il numero 14 dello United ci riprova cinque minuti dopo, ma stavolta spedendo la palla direttamente a lato. Ma il raddoppio dei Red Devils è, ormai, solo questione di minuti.

2018-03-31T142322Z_2059001960_RC140328EA20_RTRMADP_3_SOCCER-ENGLAND-MUN-SWAAl 19′, clamoroso svarione della difesa dello Swansea City su un passaggio filtrante di Jesse Lingard che giunge ad Alexis Sánchez, il quale, da dentro l’area di rigore, batte il portiere piazzando la palla nell’angolino basso con un tiro imparabile. È il 2-0 del Manchester United e il secondo goal con la maglia dei Red Devils per l’asso cileno.

La fame di goal dello United sembra non saziarsi e la squadra di José Mourinho continua a lanciarsi in avanti con frequenza. Al 30′, il solito Jesse Lingard si ritaglia lo spazio per il tiro al limite dell’area di rigore, ma senza centrare il bersaglio.

Un ottimo Manchester United, propositivo e preciso sotto porta, va meritatamente all’intervallo avanti di due goal contro lo Swansea City.

Gli ospiti, dopo un pessimo primo tempo, decidono di ripresentarsi in campo nella ripresa con due novità in formazione: Tammy Abraham e Tom Carroll prendono il posto, rispettivamente, di Nathan Dyer e Ki Sung-yueng.

La ripresa si apre con una grande chance per lo United. Al 54′, su un cross di Juan Mata, Romelu Lukaku fa da sponda per Alexis Sánchez nell’area piccola, ma il cileno, da breve distanza, manda alto sopra la traversa con un colpo di testa.

Nel frattempo, lo Swansea effettua il suo terzo ed ultimo cambio: Sam Clucas è costretto a lasciare il campo per infortunio, al suo posto entra Wayne Routledge.

Altra grande occasione per i Red Devils un paio di minuti dopo. Paul Labile Pogba pennella un ottimo pallone in area in direzione di Juan Mata, il quale prova ad indirizzarlo verso la porta con una girata spettacolare, ma poco efficace: la sfera termina alta.

Lo Swansea City si rende per la prima volta pericoloso al 58′, dopo non aver tirato in porta neanche una volta in precedenza, e crea due grandi occasioni nel giro di pochi secondi.

Entrambe capitano sui piedi del neo-entrato Tammy Abraham, fermato da due grandi interventi di David de Gea: lo spagnolo lo ferma la prima volta con un grande riflesso su un potente tiro ravvicinato, mentre nel secondo caso con un’ottima parata in tuffo su un insidiosissimo rasoterra.

Arrivati a circa un quarto d’ora dal termine, José Mourinho decide di operare una doppia sostituzione: fuori Alexis Sánchez e Jesse Lingard, entrambi autori di un’ottima prova, dentro Marcus Rashford e Ander Herrera.

Dopo una fase di gara abbastanza soporifera, lo United ha una grande occasione per trovare il 3-0 al 79′. Romelu Lukaku controlla (probabilmente anche con l’aiuto di un braccio) un traversone di Paul Labile Pogba dalla sinistra e, da distanza ravvicinata, calcia quasi a botta sicura verso la porta, costringendo Łukasz Fabiański ad una difficile parata.

Il resto della partita – dove José Mourinho concede a Scott McTominay qualche minuto – scivola via senza offrire nulla di interessante. Il Manchester United vince comodamente per 2-0 e tiene saldamente fra le mani il secondo posto in Premier League, inseguito da un Liverpool, però, tutt’altro che arrendevole.

Sarà un finale di stagione molto caldo, sia per quanto riguarda il campionato che la Emirates FA Cup. Il prossimo impegno dei Red Devils sarà in casa del Manchester City, il prossimo Sabato, per un derby che sarà certamente molto acceso.

Marco Antonucci

TABELLINO

premier-league
Premier League

Old Trafford – Manchester, United Kingdom – Sabato 31 Marzo 2018

AC4AD80054D44492A7FD375782AC9DB6  VSwansea City
Manchester United FC 2-0 Swansea City AFC

4′ Romelu Lukaku, 19′ Alexis Sánchez

FORMAZIONI

Manchester United:
1 David de Gea; 25 Antonio Valencia [C]2 Victor Lindelöf, 12 Chris Smalling, 18 Ashley Young; 6 Paul Labile Pogba, 31 Nemanja Matić, 8 Juan Mata (90′. 39 Scott McTominay), 14 Jesse Lingard (75′, 21 Ander Herrera), 7 Alexis Sánchez (74′, 19 Marcus Rashford); 9 Romelu Lukaku.
Manager: José Mourinho

Swansea City:
Łukasz Fabiański; 26 Kyle Naughton, 5 Mike van der Hoorn, 33 Federico Fernández [C]6 Alfie Mawson, 16 Martin Olsson; 24 Andy King, 4 Ki Sung-yueng (45′, 14 Tom Carroll), 17 Sam Clucas (54′, 15 Wayne Routledge), 12 Nathan Dyer (45′, 10 Tammy Abraham); 19 André Ayew.
Manager: Carlos Carvalhal

Arbitro: Bobby Madley. Assistenti: Marc Perry, Mick McDonough. Quarto uomo: Anthony Taylor.

Cartellini gialli: Nessuno.

Cartellini rossi: Nessuno.

Spettatori: 75.038

STATISTICHE
by Immagine

11 Tiri totali 3
Tiri in porta 2
66,6% Possesso palla 33,4%
744 Passaggi 364
Cartellini gialli 0
Cartellini rossi 0
Calci d’angolo 3
Calci di rigore 0
Fuorigioco 1

Bio di Marco Antonucci

Foto del profilo di Marco Antonucci
Presidente e caporedattore di Red Army Italy, tifoso del Manchester United da oltre dieci anni. Mancuniano nell'anima.

Guarda anche

Antonio+Valencia+Manchester+United+v+Liverpool+c6csSJ9sOUqx

Valencia: “Sono orgoglioso di indossare la maglia dello United”

Antonio Valencia, alla vigilia del derby di Manchester, si dice orgoglioso far parte e di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *