domenica , 19 novembre 2017
Importante

Stamford Bridge ancora amaro per lo United: il Chelsea vince 1-0

2017-11-05T163820Z_1289393999_RC1D49204CC0_RTRMADP_3_SOCCER-ENGLAND-CHE-MUNIl Manchester United rimedia un’altra sconfitta a Stamford Bridge, punito da un colpo di testa di Álvaro Morata in apertura di secondo tempo. Al Chelsea, che ha dominato per diversi tratti l’incontro, basta la rete dello spagnolo per avere la meglio su una squadra apparsa viva e dinamica soltanto ad inizio partita e nel finale.

CRONACA

José Mourinho fa ritorno a Stamford Bridge proponendo una difesa a 3 – composta da Eric Bailly, Phil Jones e Chris Smalling – davanti a David de Gea, affidandosi sugli esterni ad Antonio Valencia e ad Ashley Young, mentre a centrocampo è presente il duo formato da Ander Herrera e Nemanja Matić, il grande ex di oggi insieme a Romelu Lukaku, schierato come unica punta e supportato da Henrikh Mkhitaryan e Marcus Rashford.

Il match offre grandi emozioni sin dai primi minuti, dove entrambe le squadre giocano a viso aperto e provano subito a sbloccare la partita. Il primo tentativo arriva già al 1′ minuto, quando Cesc Fàbregas batte a sorpresa un calcio di punizione servendo N’Golo Kanté, il quale prova un tiro da fuori che David de Gea para ottimamente.

Dopo un autogoal annullato a Phil Jones, per via di una spinta di Álvaro Morata, il Manchester United sfiora il vantaggio al 7′ minuto con un colpo di testa di Marcus Rashford, bravo ad inserirsi su un cross di Ashley Young dalla sinistra e ad anticipare Thibaut Courtois in uscita con un colpo di testa che, sfortunatamente, sorvola di pochissimo la traversa, terminando sulla parte esterna della rete.

Anche il Chelsea ha una grande occasione all’11’, quando Tiémoué Bakayoko si ritrova l’opportunità di calciare indisturbato nel cuore dell’area dello United, ma sprecando tutto calciando malamente a lato. Tre minuti dopo, i Red Devils si rendono pericolosi con un’iniziativa di Romelu Lukaku, che riceve palla al limite dell’area e cerca la porta con un potente sinistro che viene respinto ottimamente dal portiere.

Blues vanno nuovamente vicinissimi al vantaggio al 18′ con una doppia occasione da goal. Eden Hazard cerca la porta di potenza dal limite, David de Gea compie una grande parata e respinge come può il tiro del belga, venendo graziato, poi, sulla ribattuta dall’impreciso colpo di testa di Cesc Fàbregas, che termina sull’esterno della rete.

Il ritmo del match cala un po’ con il passare dei minuti, con lo United che prova a concedere meno spazi alla squadra di Antonio Conte, ma senza riuscire a creare i presupposti per sbloccare il punteggio. Superata la mezz’ora di gioco, David de Gea è chiamato a compiere due facili interventi nel giro di pochi minuti, prima su un debole tiro di Álvaro Morata e, qualche minuto dopo, su un innocuo sinistro di Davide Zappacosta.

Prima dell’intervallo, il Chelsea costruisce un’altra ghiotta occasione su un calcio d’angolo battuto da Cesc Fàbregas, che vede il danese Andreas Christensen mancare clamorosamente lo specchio della porta con un colpo di testa che risulta essere troppo alto.

Come accaduto nell’ultima parte del primo tempo, anche la ripresa vede un Chelsea più propositivo e ordinato dello United. Al 48′, servito da Tiémoué Bakayoko, Álvaro Morata stoppa la palla di petto e si gira all’improvviso verso la porta per calciare, ma la palla si perde a lato.

Sfortunatamente per i Red Devils, l’attaccante spagnolo è, però, impeccabile qualche minuto dopo. César Azpilicueta crossa dalla trequarti, pescando Álvaro Morata tutto solo in area di rigore e l’ex giocatore del Real Madrid non lascia scampo a David de Gea con un colpo di testa imparabile, che vale l’1-0 del Chelsea al 54′.

José Mourinho tenta di svegliare la squadra effettuando un doppio cambio, che porta all’ingresso in campo di Anthony Martial e di Marouane Fellaini al posto, rispettivamente, di uno spento Henrikh Mkhitaryan e del già ammonito Phil Jones.

Tuttavia, questa mossa non cambia l’inerzia della partita, che vede il Chelsea sfiorare anche il possibile 2-0 con Eden Hazard, autore di un pericoloso tiro dal limite che David de Gea riesce a parare in due tempi. Entra anche Jesse Lingard (al posto di Ashley Young), ma sono ancora i Blues a farsi vivi in fase d’attacco con un tentativo di Gary Cahill, risultato comunque facile da neutralizzare per l’estremo difensore dello United.

La squadra di José Mourinho sembra svegliarsi solo nel finale di partita, dove costruisce tre occasioni. All’86’, raccogliendo la respinta della difesa del Chelsea, Marcus Rashford prova un sinistro al volo dal limite che lascia impietrito il portiere, ma che termina comunque a lato. Tre minuti dopo, invece, ci vuole una grande parata di Thibaut Courtois per fermare Marouane Fellaini, bravo a controllare un lungo lancio di Eric Bailly e a ritagliarsi nell’area di rigore dei Blues lo spazio per la conclusione.

L’ultima chance per trovare il pareggio arriva in pieno recupero, quando Nemanja Matić si procura un calcio di punizione da buona posizione, ma la successiva battuta di Marcus Rashford, complice una leggera deviazione della barriera, termina di poco alta. Sul successivo corner non accade nulla e la partita termina con la vittoria del Chelsea, che batte nuovamente lo United a Stamford Bridge dopo i due successi della passata stagione in terra londinese.

José Mourinho avrà molto su cui riflettere dopo una sconfitta che porta la squadra a 8 punti di distanza dalla capolista Manchester City in classifica.

Marco Antonucci

TABELLINO

premier-league
Premier League

Stamford Bridge – London, United Kingdom – Domenica 4 Novembre 2017

Chelsea  AC4AD80054D44492A7FD375782AC9DB6
Chelsea FC 1-0 Manchester United FC
54′ Álvaro Morata

FORMAZIONI

Chelsea:
13
Thibaut Courtois; 28 César Azpilicueta, 27 Andreas Christensen, 24 Gary Cahill [C], 21 Davide Zappacosta (65′, 2 Antonio Rüdiger); 14 Tiémoué Bakayoko, 7 N’Golo Kanté, 4 Cesc Fàbregas (78′, 6 Danny Drinkwater), 3 Marcos Alonso; 10 Eden Hazard (86′, 22 Willian); 9 Álvaro Morata.
Manager: Antonio Conte

Manchester United:

1 David de Gea; 3 Eric Bailly, 4 Phil Jones (61′, 27 Marouane Fellaini), 12 Chris Smalling; 25 Antonio Valencia [C], 21 Ander Herrera, 31 Nemanja Matić, 18 Ashley Young (77′, 14 Jesse Lingard); 22 Henrikh Mkhitaryan (62′, 11 Anthony Martial), 19 Marcus Rashford; 9 Romelu Lukaku.
Manager: José Mourinho

Arbitro: Anthony Taylor. Assistenti: Gary Beswick, Peter Kirkup. Quarto uomo: Craig Pawson.

Cartellini gialli: 19′ Tiémoué Bakayoko [C], 48′ Phil Jones [MU], 50′ Ander Herrera [MU], 70′ Marouane Fellaini [MU].

Cartellini rossi: Nessuno.

Spettatori: 41.615

STATISTICHE
by Immagine

18 Tiri totali 10
Tiri in porta 2
54,2% Possesso palla 45,8%
665 Passaggi 599
Cartellini gialli 3
Cartellini rossi 0
Calci d’angolo 7
Calci di rigore 0
Fuorigioco 0

Bio di Marco Antonucci

Foto del profilo di Marco Antonucci
Presidente e caporedattore di Red Army Italy, tifoso del Manchester United da oltre dieci anni. Mancuniano nell'anima.

Guarda anche

86EE659F76984E8E9934445FE6F9F9DA

G. Neville: “Lo United deve continuare a credere nei giovani”

Gary Neville incoraggia il Manchester United a continuare a seguire la politica giovanile che lo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *