giovedì , 22 Agosto 2019
Importante

Lingard: “Ecco perché ho scelto il numero 14”

645569220-1024x669Jesse Lingard ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a cambiare numero di maglia la scorsa estate, scegliendo il numero 14, e ha raccontato alcune delle sue abitudini riguardo le divise e le scarpe utilizzate in carriera.

Il centrocampista del Manchester United, intervistato durante la presentazione dell’away kit per la stagione 2017/2018, ha risposto ad una serie di domande riguardanti il suo abbigliamento sportivo.

Perché hai voluto la maglia numero 14?
“Penso semplicemente che sia un bellissimo numero da indossare. Ovviamente, lo ha avuto Thierry Henry ed è stata una figura importante nel calcio. È stato un grande realizzatore quand’ero giovane. Era mia abitudine vederlo giocare e ho visto molti dei suoi goal, quindi penso che il 14 sia un bel numero.”

Preferisci usare le maniche lunghe o quelle corte?
“Penso che dipenda dal tempo. Se fa un po’ freddo, quelle lunghe, ma non indosso i guanti durante le partite, solo in allenamento. Nei giorni caldi, preferisco le maniche corte.”

Hai mai cambiato una tua divisa all’intervallo?
“All’intervallo cambio la sottomaglia e i calzettoni.”

Hai mai indossato qualcosa di personalizzato?
“Solo i miei pattini. Ho una foto mentre li indossavo da bambino e una mentre li indosso da giocatore. Non credo, però, che mi farò mai vedere in campo mentre li indosso!”

Qual è la misura delle tue scarpe e qual è il tuo paio preferito?
“Otto e mezzo (42 nella misura utilizzata in Italia, ndr). Mi piacciono le adidas X16 che ho indossato di recente. Trovo davvero bello il nuovo colore, bianco e verde lime.”

Quante paia di scarpe usi in una stagione?
“Non molte… adidas me ne invia molte e ho un sacco di ricambi, sia all’Aon Training Complex che in macchina. Nel caso qualcuno voglia venire a vedermi!”, aggiunge ridendo. “Mi piace portare le stesse scarpe per una questione di comodità, quindi, non appena esce una versione nuova, la provo subito e cerco di abituarmici.”

Hai scritto qualcosa sulle tue scarpe?
“Solo ‘Lingard 14’ al lato della scarpa.”

Qual è stata la tua divisa preferita quando eri un giovane tifoso dello United?
“Mi piaceva quella usata da Ruud van Nistelrooy quando ha segnato quel bellissimo goal al Fulham partendo da centrocampo [nel 2003]. Quella oppure la divisa usata da [Cristiano] Ronaldo quando ha segnato il calcio di punizione contro il Portsmouth [nel 2008].”

Hai conservato qualche maglia durante la tua carriera, sia tua che dei tuoi avversari?
“Lo facevo di più quando ero giovane. Lo facevo spesso, ma avevo la tendenza di conservare quelle dei miei amici, quando giocavamo contro, o di quelli che conoscevo. Quando ero giovane, mi sentivo un po’ in soggezione nel chiedere agli altri giocatori di scambiarci la maglia, ma adesso conosco o parlo con quelli della squadra avversaria. Ho scambiato la mia con quella di Tyler [Blackett] quando era al Blackpool ed io in prestito al Birmingham, ma abbiamo dovuto pagare per farlo!”

Cosa pensi di fare con le maglie che hai collezionato?
“Credo che le conserverò come ricordo. Forse, le metterò in mostra da qualche parte. Ho conservato le maglie che ho usato nelle finali di coppa in un quadro e le ho fatte anche autografare dagli altri giocatori.”

Con chi ti piacerebbe scambiare la maglia nel Mondo del calcio?
“[Lionel] Messi, credo, o [Andrés] Iniesta.”

Marco Antonucci

Bio di Marco Antonucci

Presidente e caporedattore di Red Army Italy, tifoso del Manchester United da oltre tredici anni. Mancuniano nell'anima.

Guarda anche

Mata: “Io e de Gea abbiamo fatto una maratona di partite”

Juan Mata, dalle pagine del suo blog, ha raccontato il modo in cui ha trascorso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *